Il Capri TrendSetter Festival

Il Codice CD

Ottobre 2009 – Quali gli stili di vita del futuro? Quanto di quello che sta accadendo oggi nel mondo della moda, del design, della progettazione degli spazi urbani, della tecnologia muterà le nostre abitudini di consumo? A questi, e ad altri quesiti, sono stati chiamati a rispondere imprenditori, architetti, fashion designer, artisti, intellettuali e trend forecaster nel Corso della prima edizione del “Capri Trendwatching Festival”.

Il Codice CDNella suggestiva “tregiorni” patrocinata dalla Fondazione Capri, tra tavole rotonde, incontri e lectures, la splendida isola è diventata ideale punto di incontro per le voci più accreditate del settore: dalla guru delle tendenze Li Edelkoort allo scrittore di fantascienza Bruce Sterling, dallo stilista avantgarde Walter Van Beirendonck all’imprenditore etico Marco Roveda, dall’architetto impegnato sul fronte della sostenibilità Mario Cucinella al fotografo e regista Francesco Jodice, per arrivare all’antropologo dello streetsfyle Ted Polhemus. Fra i temi trattati, “Supergreen”, ovvero come il “pensiero verde” e il concetto di sostenibilità stanno ridefinendo i comportamenti e gli stili di vita; “Daily Aesthetics”, ossia il gusto e l’estetica come pratiche giornaliere che inducono una contaminazione ricorsiva tra arte, fashion, design e merci; “Urban Signs”, una panoramica sui segni e sui comportamenti creativi di fruizione attiva delle città che restituiscono nuovi significati agli spazi urbani quali nuovi luoghi di espressione sociale. “Capri Trendwatching Festival” ha preso le mosse dall’osservatorio internazionale “Tomorrow Now”, basato sul trendwatching, una metodologia di ricerca di matrice etnografica che intercetta prima che diventino fenomeni di massa le evoluzioni del gusto, i fenomeni e le tendenze espressive che domani influenzeranno gli immaginari sociali. L’osservatorio si basa sulle segnalazioni di una rete internazionale di “osservatori”, i cosiddetti “urbanwatcher”, che hanno condotto una ricerca sul campo in 21 cittàchiave del mondo: Amsterdam, Anversa, Bangalore, Beijing, Beirut, Berlino, Bogotà, Buenos Aires, Londra, Johannesburg, Madrid, Milano, Mosca, Napoli, New York, Parigi, Santiago del Cile, Seoul, Shanghai, Stoccolma, Tokyo. Curatrice dell’evento e dell’osservatorio “Tomorrow Now”, Elena Marinoni, ricercatrice che nel 2001, con Patrizia Martello e Alessia Zampano, ha fondato Memi, il laboratorio di Trendwatching Internazionale per la rilevazione delle discontinuità del gusto e delle tendenze espressive emergenti nell’immaginario contemporaneo.

Scarica il PDF dell’articolo (1,2 Mb)

Comments are closed.